Blog

 Blog

Nuovi aiuti alle imprese, tutte le novità del Decreto Sostegni e del Decreto Sostegni bis

Nuovi aiuti alle imprese, tutte le novità del Decreto Sostegni e del Decreto Sostegni bis

Approvato dal Consiglio dei Ministri il Decreto Sostegni bis con le nuove misure di sostegno

Il Decreto Sostegni viene convertito in legge e prevede alcune misure per le aziende che verranno poi integrate con il Decreto Sostegni bis che è in fase di elaborazione. 

L'incentivo più importante previsto dal Decreto consiste nel'introduzione dei contributi a fondo perduto per le aziende con ricavi fino a 10 milioni. Questi vengono riconosciuti alle imprese che registrato un calo del fatturato del 30% nel 2020 rispetto al 2019. Per approfondimenti in merito ai contributi a fondo perduto previsti dal Decreto Sostegni clicca qui

E' stato inoltre stabilto un rinvio del pagamento dell'Irap al 30 settembre e l'esenzione della prima rata dell'Imu per le imprese beneficiarie del contributo a fondo perduto. Viene introdotto un bonus per la riduzione delle bollette di energia elettrica delle attività e delle imprese.

Di seguito elenchiamo in modo sintetico gli altri interventi previsti dal decreto:

Ai contribuenti in possesso dei requisiti di accesso al contributo a fondo perduto appena citato è riconosciuta anche l’esenzione dal pagamento della prima rata dell’Imu 2021 dovuta in relazione agli immobili posseduti.

Per il 2021, le strutture ricettive nonché di somministrazione e consumo di bevande in locali pubblici o aperti al pubblico, comprese le attività similari svolte da enti del terzo settore sono esonerate dal versamento del canone Rai. 

E' sospeso fino al 31 dicembre 2021 il pagamento della tassa sull'occupazione del suolo pubblico per gli esercizi pubblici, (bar, ristoranti, gastronomie, pub, ecc.). E' sospeso anche al 31 dicembre 2021 il pagamento del canone patrimoniale di concessione, autorizzazione o esposizione pubblicitaria ed il canone per l'occupazione delle aree destinate ai mercati. 

Vengono sospese le procedure di esecuzione degli sfratti per morosità, fino al 30 settembre 2021 per i provvedimenti eseguiti 28 febbraio 2020 al 30 settembre 2020 e fino al 31 dicembre 2021 per i provvedimenti eseguiti dal primo ottobre 2020 al 30 giugno 2021. Per quelli già esecutivi prima dell'emergenza il blocco resta confermato fino al 30 giugno prossimo.

Vengono prorogate le date di valità dei voucher emessi a titolo di rimborso per titoli di viaggio, di soggiorno e di pacchetti turistici, anche in relazione alla sospensione di viaggi e iniziative di istruzione, per biglietti acquistati per spettacoli, musei e altri luoghi della cultura. Passa da 18 a 24 mesi la validità dei voucher per titoli di viaggio, di soggiorno e di pacchetti turistici. Viene prevista in 36 mesi la validità dei voucher per biglietti acquistati per spettacoli, musei e altri luoghi della cultura. I voucher potranno anche essere ceduti dal beneficiario all'agenzia di viaggio.

Per contratti d'affitto in essere viene prevista l'esenzione dell'Irpef per i canoni di locazione dovuti ma non incassati dal proprietario.

Per le aziende Start Up è previsto un contributo a fondo perduto di 1.000 euro se la partita Iva è stata attivata nel 2018 e se l'impresa è rimasta esclusa dai contributi a fondo perduto inizialmente descritti. Il contributo è riconosciuto se l'ammontare medio mensile del fatturato del 2020 è del 30% inferiore rispetto all'ammontare medio mensile del fatturato del 2019.  

L'articolo 10 del decreto inoltre, introduce una nuova indennità per i lavoratori stagionali del turismo, degli stabilimenti termali, dello spettacolo e dello sport. Il periodo a cui si riferisce il beneficio riconosciuto una tantum è il trimestre marzo, aprile e maggio 2021.

In dettaglio le categorie lavorative per cui è stato previsto il bonus sono le seguenti:

  • lavoratori stagionali, lavoratori a tempo determinato e lavoratori in somministrazione dei settori del turismo e degli stabilimenti termali;
  • lavoratori stagionali e in somministrazione di settori diversi dai settori del turismo e degli stabilimenti termali;
  • lavoratori intermittenti;
  • lavoratori autonomi occasionali;
  • lavoratori incaricati delle vendite a domicilio;
  • lavoratori dello spettacolo.

Per i professionisti, inoltre è previsto che se a causa del coronavirus (ricovero in ospedale, permanenza domiciliare fiduciaria con sorveglianza attiva, quarantena con sorveglianza attiva) non viene effettuata la trasmissione di atti, documenti e istanze oppure non viene effettuato il pagamento di somme entro il termine previsto, quando dovuti a impedimento del professionista non comporta decadenza, non costituisce inadempimento verso la pubblica amministrazione e non produce effetti nei confronti né del professionista né del suo cliente, a condizione che tra le parti esista un mandato professionale avente data antecedente al ricovero ospedaliero o all’inizio delle cure domiciliari.

 

Il Decreto Sostegni bis

 

Il decreto sostegni bis previsto per rafforzare gli interventi decreto sostegni precedente è stato dal Consiglio dei Ministri del 20 maggio 2021 

Le novità contenute nell’ultima bozza del decreto Sostegni bis, discussa durante il Consiglio dei Ministri del 20 maggio 2021 sono in linea generali le seguenti:

  • previsto il contributo a fondo perduto per chi lo ha già ottenuto con il decreto sostegni precedente ed in relazione questa volta al periodo dal 1° aprile 2020 al 31 marzo 2021;
  • bonus e agevolazioni  per gli stagionali, così come il reddito di emergenza;
  • in favore delle imprese viene poi introdotto nuovamente il bonus affitti del 60 per cento, accanto alla conferma del bonus per la sanificazione e l’acquisto di DPI, che scende al 30 per cento;
  • ulteriori fondi vengono stanziati in favore dei titolari di partita IVA per introdurre sconti sulla Tari e agevolazioni in materia di bollette.
  • credito d’imposta per canoni di locazione e affitto di immobili ad uso non abitativo da gennaio a maggio 2021. Per imprese del settore alberghiero e turistico, agenzie di viaggio e tour operator la misura è estesa fino a luglio 2021;
  • previsto un fondo per l’internazionalizzazione delle imprese, un fondo per gli operatori del turismo invernale, un fondo per sostenere le attività connesse con eventi e matrimoni e i parchi tematici ed un fondo per il sostegno delle attività economiche chiuse;
  • proroga fino al 30 giugno 2021, della sospensione delle attività dell’Agente della Riscossione;
  • rinvio a gennaio 2022 dell’entrata in vigore della plastic tax;
  • proroga al 31 dicembre 2021 della moratoria sui prestiti, applicata alla quota capitale delle esposizioni oggetto di moratoria, prolungamento e rimodulazione degli strumenti di garanzia emergenziali previsti dal Fondo di Garanzia per le Pmi e da Garanzia Italia di Sace;
  • introduzione di uno strumento di garanzia pubblica di portafoglio a supporto dei crediti a medio lungo termine per finanziare progetti di ricerca e sviluppo per imprese fino a 500 dipendenti

 

 

Stampa
Data: mag 20, 2021,
Categorie: Blog, Normativa, News,
Commenti: 0,
Tags:
Valutazione:
5.0

Documenti scaricabili

Commenta

This form collects your name, email, IP address and content so that we can keep track of the comments placed on the website. For more info check our Privacy Policy and Terms Of Use where you will get more info on where, how and why we store your data.
Aggiungi commento

Theme picker

Partecipa alla community

           

Archivio