Supporto

 Supporto

Come fare la Comunicazione Periodica IVA 2018 in XML

Nella dichiarazione il contribuente deve indicare i dati contabili riepilogativi delle liquidazioni periodiche dell’imposta

Image


La dichiarazione, sotto forma di file in formato XML, che il contribuente deve presentare è costituita da:

  • un frontespizio:
    - DATI GENERALI;
    - DICHIARANTE;
    - IMPEGNO ALLA PRESENTAZIONE TELEMATICA.

  • un modulo con quadro VP:
    - LIQUIDAZIONE DELL'IMPOSTA.

 

Cerchi un software gratuito per la generazione del file "Comunicazione Liquidazioni Periodiche IVA 2018" in standard XML ?  fatturapertutti è la soluzione in cloud 

 


 

FRONTESPIZIO:

DATI GENERALI

  • Anno d’imposta: anno solare cui si riferisce la Comunicazione;
  • Partita IVA: il numero di partita IVA del soggetto d’imposta;
  • Partita IVA della controllante (liquidazione IVA di gruppo): indicare, se presente, la partita IVA dell’ente o società controllante;
  • Ultimo mese: in caso di sopravvenuta mancanza dei requisiti per avvalersi della procedura di liquidazione dell’IVA di gruppo, indicare l’ultimo mese di controllo;
  • Liquidazione del gruppo: attivare la voce nel caso in cui la Comunicazione si riferisce alla liquidazione dell’IVA del gruppo.

DICHIARANTE 
Questo riquadro deve essere compilato soltanto nel caso in cui il dichiarante (colui che sottoscrive la Comunicazione)

  • Codice fiscale: da compilare con il codice fiscale del dichiarante persona fisica che sottoscrive la Comunicazione;
  • Codice carica: Indicare il codice di carica del dichiarante desumendolo dalla tabella disponibile nelle istruzioni del modello IVA annuale  ( Tabella Codici Carica ) ;
  • Codice fiscale società dichiarante: compilare questo campo se è una società a presentare la Comunicazione per conto di un altro contribuente, in questo caso nel codice carica si deve indicare il codice di carica corrispondente al rapporto intercorrente tra la società dichiarante e il contribuente.

FIRMA 
da firmare a cura del contribuente o da chi ne ha la rappresentanza legale o negoziale, o da uno degli altri soggetti dichiaranti indicati nella tabella “Codici carica”.

IMPEGNO ALLA PRESENTAZIONE TELEMATICA
da compilare e sottoscrivere solo da parte dell’incaricato che trasmette la Comunicazione.

  • Impegno alla presentazione (valori ammessi): 
  1. se la Comunicazione è stata predisposta dal contribuente;
  2. se la Comunicazione è stata predisposta da chi effettua l’invio.
  • L’incaricato deve:
  • riportare il proprio codice fiscale;
  • riportare la data (giorno, mese e anno) di assunzione dell’impegno a trasmettere la Comunicazione;
  • apporre la firma.

 


QUADRO VP - LIQUIDAZIONI PERIODICHE IVA:

 

  • Modulo:
    Per ciascuna liquidazione periodica deve essere compilato un distinto modulo.
    Pertanto, i contribuenti che effettuano:
    esclusivamente liquidazioni periodiche mensili, devono compilare un modulo per ciascun mese del trimestre;
    esclusivamente liquidazioni periodiche trimestrali, devono compilare un unico modulo per il trimestre;
    sia liquidazioni mensili che trimestrali, devono compilare un modulo per ciascun mese e un modulo per il trimestre.

 

  • Periodo di riferimento:
    Il contribuente deve indicare il mese (valori da 1 a 12) o il trimestre (valori da 1 a 4) cui si riferisce ciascun modulo della Comunicazione.
    I contribuenti che eseguono liquidazioni trimestrali, ai sensi dell’art. 7 del d.P.R. 14 ottobre 1999, n. 542, devono indicare il valore “5” con riferimento al quarto trimestre solare..

 

  • Subforniture:
    Compilare nel caso in cui il contribuente si sia avvalso delle agevolazioni previste dall’art. 74, comma 5

 

  • Eventi eccezionali:
    Compilare nel caso in cui il soggetto ha fruito per il periodo di riferimento, agli effetti dell’IVA, delle agevolazioni fiscali previste da particolari disposizioni normative emanate a seguito di calamità naturali o di altri eventi eccezionali.

LIQUIDAZIONE DELL'IMPOSTA

  • Rigo VP2 - Totale operazioni attive
    Indicare l’ammontare complessivo delle operazioni attive (cessioni di beni e prestazioni di servizi) al netto dell’IVA, effettuate nel periodo di riferimento, comprese quelle ad esigibilità differita, rilevanti agli effetti dell’IVA (imponibili, non imponibili, esenti, ecc.) annotate nel registro delle fatture emesse o in quello dei corrispettivi o comunque soggette a registrazione, ad esclusione di quelle esenti effettuate dai soggetti che si sono avvalsi della dispensa dagli adempimenti di cui all’art. 36-bis (vanno, invece, indicate le operazioni esenti di cui ai nn. 11, 18 e 19 dell’art. 10, per le quali resta in ogni caso fermo l’obbligo di fatturazione e registrazione).

 

  • Rigo VP3 - Totale operazioni passive
    Indicare l’ammontare complessivo degli acquisti all’interno, intracomunitari e delle importazioni relativi a beni e servizi risultanti dalle fatture e dalle bollette doganali di importazione, al netto dell’IVA, annotate nel periodo di riferimento sul registro degli acquisti di cui all’art. 25, ovvero su altri registri previsti da disposizioni riguardanti particolari regimi. Nel rigo vanno compresi, altresì, gli acquisti ad esigibilità differita, nonché quelli con IVA indetraibile.

 

  • Rigo VP4 - IVA esigibile
    Indicare l’ammontare dell’IVA a debito, relativa alle operazioni effettuate nel periodo di riferimento, per le quali si è verificata l’esigibilità, ovvero relativa ad operazioni effettuate in precedenza per le quali l’imposta è diventata esigibile nello stesso periodo, annotate nel registro delle fatture emesse ovvero dei corrispettivi o comunque soggette a registrazione.

 

  • Rigo VP5 - IVA detratta
    Indicare l’ammontare dell’IVA relativa agli acquisti registrati per i quali viene esercitato il diritto alla detrazione per il periodo di riferimento.

 

  • Rigo VP6 - IVA dovuta o a credito
    Indicare in colonna 1 l’ammontare della differenza tra i righi VP4 e VP5 nel caso in cui tale differenza sia positiva. In caso contrario, riportare in colonna 2 il valore assoluto della predetta differenza.

 

  • Rigo VP7 - Debito periodo precedente non superiore 25,82 euro
    Indicare l’eventuale importo a debito non versato nel periodo precedente in quanto non superiore a 25,82 euro.

 

  • Rigo VP8 - Credito periodo precedente
    Indicare l’ammontare dell’IVA a credito computata in detrazione, risultante dalle liquidazioni precedenti dello stesso anno solare (senza considerare i crediti chiesti a rimborso o in compensazione mediante presentazione del modello IVA TR).

 

  • Rigo VP9 - Credito anno precedente
    Indicare l’ammontare del credito IVA compensabile, ai sensi del D.Lgs. n. 241/1997, che viene portato in detrazione nella liquidazione del periodo, risultante dalla dichiarazione annuale dell’anno precedente, al netto della quota già portata in detrazione nelle liquidazioni dei periodi precedenti dello stesso anno solare.

 

  • Rigo VP10 - Versamenti auto UE
    Indicare l’ammontare complessivo dei versamenti relativi all’imposta dovuta per la prima cessione interna di autoveicoli in precedenza oggetto di acquisto intracomunitario effettuati utilizzando gli appositi codici tributo istituiti con la risoluzione n. 337 del 21 novembre 2007.

 

  • Rigo VP11 - Crediti d’imposta
    Indicare l’ammontare dei particolari crediti d’imposta utilizzati nel periodo di riferimento a scomputo del versamento, esclusi quelli la cui compensazione avviene direttamente nel modello F24.

 

  • Rigo VP12 - Interessi dovuti per liquidazioni trimestrali
    Indicare l’ammontare degli interessi dovuti, pari all’1%, calcolati sugli importi da versare ai sensi dell’art. 7 d.P.R. 14 ottobre 1999, n. 542, relativamente alla liquidazione del trimestre.

  • Rigo VP13 - Acconto dovuto
    Indicare l’ammontare dell’acconto dovuto, anche se non effettivamente versato.

 

  • Rigo VP14 - IVA da versare o a credito
    Indicare in colonna 1 l’importo dell’IVA da versare, o da trasferire all’ente o società controllante nel caso di ente o società che aderisce alla liquidazione dell’IVA di gruppo, pari al risultato della seguente formula, se positivo: 
    (VP6, col. 1 + VP7 + VP12) – (VP6, col. 2 + VP8 + VP9 + VP10 + VP11 + VP13)
    In colonna 2 indicare l’importo dell’IVA a credito, o da trasferire all’ente o società controllante nel caso di ente o società che aderisce alla liquidazione dell’IVA di gruppo, pari al risultato della seguente formula, se positivo:
    (VP6, col. 2 + VP8 + VP9 + VP10 + VP11 + VP13) – (VP6, col. 1 + VP7 + VP12)

 


 

 


 

 

Stampa
Data: apr 2, 2018,
Commenti: 0,
Autore: Claudio
Valutazione:
5.0

Commenta

This form collects your name, email, IP address and content so that we can keep track of the comments placed on the website. For more info check our Privacy Policy and Terms Of Use where you will get more info on where, how and why we store your data.
Aggiungi commento

Theme picker

Partecipa alla community