Articoli più letti

 Supporto

IVA sull’e-commerce, dal 1 luglio 2021 partono le nuove regole, attenzione alla fattura

IVA sull’e-commerce, dal 1 luglio 2021 partono le nuove regole, attenzione alla fattura

Il decreto legislativo n. 83 del 25 maggio 2021 definisce le nuove regole per l'avvio di un sistema europeo di assolvimento dell’IVA, centralizzato e digitale

Il decreto legislativo n. 83 del 25 maggio 2021 semplifica le regole in materia di IVA per il commercio elettronico ed ottimizza le procedure di riscossione dell’IVA.

Tra le novità introdotte, una delle più importanti è l’abolizione delle soglie di riferimento previste per il pagamento dell’Iva nel Paese di residenza nell’ambito delle vendite a distanza intracomunitarie. Con la nuova normativa è riconosciuta un’unica soglia pari a 10.000 euro; superata questa soglia, l’imposta si applica nello Stato di destinazione della prestazione o vendita.
 

Nuovi regimi IVA (regimi opzionali)
 

Il decreto ha inoltre previsto che, il regime MOSS (regime IVA opzionale adottato da coloro che vendono servizi digitali e operano in diversi Paesi europei) prenderà il nome di OSS e sarà esteso alle vendite a distanza e alle prestazioni di servizi rese verso consumatori finali.
 

Cos'è il regime IVA OSS (One Stop Shop)

 

Il regime MOSS (Mini One Stop Shop o Mini Sportello Unico), dal 1 luglio 2021 OSS, è stato previsto per permettere di non doversi registrare e presentare la dichiarazione IVA in tutti i Paesi in cui si opera. Con questo si è tenuti a pagare l'IVA e assolvere tutti gli adempimenti IVA correlati solo nel proprio Stato.

In modo molto semplice il regime OSS è previsto per le vendite a distanza di beni spediti a partire da uno Stato membro e a destinazione di consumatori finali di altro Stato membro della UE.

 

Vantaggio del regime IVA OSS
 

In caso di opzione per il regime One Stop Shop (OSS), il fornitore potrà applicare ai fini della fatturazione le regole del Paese di provenienza, in questo modo avrà una notevole semplificazione nella gestione delle sue vendite. 

 

Cos'è il regime IVA IOSS (Import One Stop Shop)
 

Sempre dal 1° luglio 2021 sarà introdotto il regime IOSS per le vendite a consumatori finali di beni importati da Paesi fuori dall'Ue di valore non superiore a 150 euro.

Il regime IOSS di importazione consente ai fornitori ed alle piattaforme di vendita on line di riscuotere l’Iva sulle vendite di merci di modico valore a clienti Ue, fino a 150 euro e provenienti da un paese extra Ue.

In questo caso l’importazione è esente da Iva e l’Iva è inclusa nel prezzo di acquisto pagato dal cliente.

 

Vantaggi del regime IVA IOSS
 


I vantaggi dell’utilizzo del regime IOSS derivano dal fatto che un fornitore od una piattaforma di vendita on line includono l'importo dell'IVA nel prezzo pagato dal cliente al momento dell’acquisto on line.

Il cliente in questo modo non deve pagare spese aggiuntive per l’importazione del bene nella UE.  

Le aziende che gestiscono le piattaforma di vendita on line, dal 1 luglio dovranno versare l’imposta su queste vendite.

I regimi OSS e IOSS introducono un sistema europeo di assolvimento dell’IVA, centralizzato e digitale e comprendono le seguenti tipologie di vendite:

  • vendite a distanza di beni importati da territori terzi o Paesi terzi (ad eccezione dei beni soggetti ad accise) effettuate da fornitori o tramite l'uso di un'interfaccia elettronica
  • vendite a distanza intracomunitarie di beni effettuate da fornitori o tramite l'uso di un'interfaccia elettronica
  • vendite nazionali di beni effettuate tramite l'uso di un'interfaccia elettronica
  • prestazioni di servizi da parte di soggetti passivi non stabiliti nell'UE o da soggetti passivi stabiliti all'interno dell'UE ma non nello Stato membro di consumo a soggetti non passivi (consumatori finali).

L'adesione ai regimi speciali è facoltativa, ma se si sceglie di avvalersene è necessario applicarlo per tutte le operazioni che vi rientrano.

 

Come fare quesiti all'Agenzia delle Entrate
 

Il comunicato stampa dell'Agenzia delle Entrate del 25 giugno 2021 prevede inoltre che, considerata l'importanza delle novità e la necessità di acquisire il punto di vista degli operatori, sarà possibile inviare dei quesiti, entro il prossimo 12 luglio, alla seguente casella email: dc.gci.internazionale@agenziaentrate.it. I quesiti pervenuti saranno discussi nell’ambito di un webinar che si terrà indicativamente giovedì 22 luglio. Resta ferma la possibilità di inviare quesiti alla casella email ossitaly@agenziaentrate.it , che sostituisce, a partire dal 1° luglio, la casella mossitaly@agenziaentrate.it.

Fonte: Agenzia delle Entrate
 

Integra fatturapertutti con il tuo e-commerce per l'emissione dello scontrino elettronico e della fattura elettronica.

Per approfondimenti:

Lo scontrino elettronico con Stripe o Paypal da oggi viene automaticamente emesso al momento del pagamento. E-commerce, portali e app sempre più smart grazie al cloud fatturapertutti

Fatture elettroniche e scontrini con Magento, Prestashop, E-commerce in genere, semplice e senza registratore di cassa

Prova Gratis 60 giorni

 

Stampa
Data: giu 28, 2021,
Categorie: Blog, Normativa, News,
Commenti: 0,
Autore: Claudio

Documenti scaricabili

Theme picker

Partecipa alla community